Trekking urbano a Verona – Il Parco delle mura

Trekking urbano a Verona – Il Parco delle mura

pubblicato in: Muoversi, Trekking, Visitare | 0

Chi di voi ha già sentito parlare di trekking urbano? Il trekking urbano è un modo di fare turismo che sta prendendo piede tra gli appassionati del turismo lontano dai circuiti più conosciuti e “commerciali”. Attraverso diversi itinerari il turista può coniugare arte e natura, facendo sport.

Il percorso che vi propongo per visitare Verona inizia da Porta Vescovo, nel quartiere di Veronetta e proseguirà per il Parco delle mura.

Entrati dalla porta di epoca scaligera, riadattata prima dai veneziani e poi dagli austriaci, proseguiamo verso Salita Santo Sepolcro.

La prima parte del percorso è tutta in salita, quindi è un toccasana per il nostro fisico. Dopo circa 1 km si arriva alla Chiesa di San Zeno in Monte, dalla cui terrazza si ha una magnifica vista su tutta la città. La cosa singolare è che, per un gioco di prospettiva, l’Adige scompare completamente dalla vista nascondendosi tra i tetti delle case.

Molto bene! Finita la sosta riprendiamo la salita perché ora inizia un dislivello che ci eleva tra le vecchie mura cittadine e gli uliveti collinari.

La cinta difensiva è un miscuglio architettonico di origine scaligera con innesti veneziani e asburgici.

Dopo una passeggiata nel verde di circa 1,5 Km si arriva ai piedi di Forte San Felice e alla Comunità di Nazareth.

A questo punto si prosegue per la stretta strada (Via Nazareth) che scende sulla sinistra e che porta alla Fontana di Ferro attraverso Via Fontana del Ferro. Per quanto riguarda il singolare toponimo non c’è sicura spiegazione: sembra che il nome derivi da quello della dea Feronia o Fers, divinità della fertilità onorata dai romani.

Da qui si scende a sinistra verso Via San Giovanni in Valle. Con una piccola deviazione si arriva velocemente alla omonima chiesa romanica del XII secolo.

Ora torniamo sui nostri passi e imbocchiamo Vicolo Pozzo, una stretta via in sasso che porta in Via Scala santa. Da qui percorriamo in salita il suggestivo percorso dell’antica Via Crucis fino a ricongiungersi alla Chiesa di San Zeno in Monte che già abbiamo visto all’andata e da dove si rientra a Porta Vescovo seguendo a ritroso la strada dell’andata.

 

P.s.

Quando siamo arrivati in Via Nazareth, un percorso alternativo poteva essere quello che proseguiva in Via Castello San Felice passando nelle vicinanze del camping. Proseguendo per la strada si raggiunge Castel San Pietro. Nuova panoramica dall’alto sulla città e pausa ristoratrice. Purtroppo bisogna accontentarsi della cosiddetta acqua del Sindaco che sgorga da una fontanella. Speriamo che l’imminente restauro del castello e della vecchia funicolare possano portare almeno un piccolo bar.

Ai piedi del castello iniziano le scale che scendono lungo le pendici del colle di San Pietro e che terminano a Ponte Pietra.

Da qui il rientro verso Porta Vescovo percorrendo Rigaste Redentore – Vai Redentore – Via Santa Chiara – Via Giardino Giusti – Via Muro Padri – Via San Nazaro – Via XX Settembre.

Lascia una risposta

Inserisci il numero corretto *